UCV – Escuela de Comunicacion Social

Asignatura de Italiano del prof. Attilio Folliero

01.03 – Le vocali

Posted by Prof. Attilio Folliero su 24/03/2011

A cura del prof. Attilio Folliero

Le vocali (Scaricare/Descargar)

Le vocali in italiano sono cinque: a, e, i, o, u.

La vocale “a” ha sempre suono apertoo largo (indicato con accento grave \)

La “i” e la “u” hanno sempre suono chiuso o stretto (indicato con accento acuto /).

La “e” e la “o” hanno il duplice suono: a volte aperto (\), a volte chiuso (/); hanno sempre suono chiuso quando sudi esse non cade l’accento.

La e ha suono aperto (è):

-al termine di un nome diorigine straniera. Esempi: caffè, canapè, Mosè;
-nei participi e negliaggettivi terminanti in ente. Esempi: presènte, valènte;
-nel dittongo ie: barbière,chièsa, pasticcière, piède, salumière;
-nei diminutivi terminanti in elloe ella. Esempi: donzèlla, monèllo;
-nei vocaboli che terminano inendo e enda. Esempi: faccènda, orrèndo, vicènda;
-nei vocaboli che terminano inense. Esempio: forènse;
-nei nomi che terminano inenza. Esempi: assènza, partènza, sapiènza;
-nei vocaboli terminanti instra, estre. Esempi: campèstre, finèstra, terrèstre;
-nei numerali come sèi, sètte,dièci, tèrzo, sèsto, ventèsimo, bimèstre, biènnio.

La e ha suono chiuso (é):

-nelle voci composte con che.Esempi: perché, poiché, sicché, affinché, giacché;
-nei nomi comuni tronchi diuna sola sillaba. Esempi: fé, ré, mé, té, sé;
-nei verbi della secondaconiugazione, in ére. Esempi: temére, tenére;
-negli avverbi in ménte.Esempi: socialménte, teneraménte;
-negli aggettivi in évole.Esempi: caritatévole, piacévole, scorrévole;
-nei diminutivi étto, étta.Esempi: casétta, fanciullétto, fanciullétta, ométto;
-nei nomi terminananti inéfice. Esempi: carnéfice, oréfice, pontéfice;
-nei nomi e negli aggettiviterminanti in ése. Esempi: cortése, marchése, paése;
-nei nomi in éto, éta, ézza.Esempi: fruttéto, monéta, pinéta, carézza, bellézza;
-nei vocaboli terminanti inénto. Esempì: ornaménto, torménto;
-nei vocaboli terminanti inéssa. Esempio: méssa;
-nei numerali come tré,trédici, sédici, vénti, trénta.

La o ha suono aperto (ò):

-nei nomi tronchi d’origine italiana. Esempi: Angiò, falò, rococò;
-nei vocaboli in uòlo e nel dittongo uò. Esempi: fagiuòlo, figliuòlo, nuòvo, ruòta;
-nei nomi terminanti in òlo,òla. Esempi: giaggiòlo, paròla;
-nei nomi terminanti in òrio.Esempi: dormitòrio, oratòrio, ostensòrio;
-nei vocaboli terminanti in òtto, òtta. Esempi: giovanòtto, grassòtto, ragazzòtta;
-nei vocaboli terminanti in occio, occhio. Esempi: bambòccio, malòcchio;
-nei numerali come òtto, nòve, nòno, trentanòve, trentòtto;

La o ha suono chiuso (ó):

-nei pronomi come nói, vói, lóro, colóro, costóro;
-nei nomi terminanti in óio. Esempi: corridóio, frantóio;
-nei nomi in óne, sióne, zióne. Esempi: coróne, visióne, azióne, commozióne;
-nei vocaboli in óre, óra, sóre, tóre. Esempi: confessóre, osservatóre, signóre, signóra, traditóre, vigóre;
-nei vocaboli in óso. Esempi: animóso, pensóso;
-nei vocaboli terminanti in –óce. Esempi: atróce, feróce.

Omonimi

Nella lingua italiana alcuni vocaboli, composti dalle stesse lettere, cioè omonimi, cambiano significato in base al suono aperto o chiuso della e o della o.

Esempi di omonimi che hanno diverso significato a seconda della pronunciadella vocale aperta o chiusa.

accétta (suono chiuso) significa scure; accètta (suono aperto) verbo accettare;
affétto (suono chiuso) significa taglio; affètto (suono aperto) amore;
bótte (suono chiuso) recipiente per il vino; bòtte (suono aperto) percosse;
cólto (suono chiuso) istruito; còlto (suono aperto) verbo cogliere;
corrésse (suono chiuso) verbo correre; corrèsse (suono aperto) verbo correggere;
ésca (suono chiuso) significa nutrimento; èsca (suono aperto) verbo uscire;
fóro (suono chiuso) buco; fòro (suono aperto) piazza, tribunale;
fósse (suono chiuso) dal verbo essere; fòsse (suono aperto) scavi;
légge (suono chiuso) norma, prescrizione; lègge (suono aperto) verbo leggere;
pésca (suono chiuso) il pescare e verbo pescare; pèsca (suono aperto) frutto;
pósta (suono chiuso) dal verbo porre; pòsta (suono aperto) luogo;
sórta (suono chiuso) dal verbo sorgere; sòrta (suono aperto) una specie;
téma (suono chiuso) la paura; tèma (suonoaperto) componimento;
tócco (suono chiuso) dal verbo toccare; tòcco (suono aperto) un pezzo;
tórta (suono chiuso) dolce; tòrta (suonoaperto) dal verbo torcere;
vénti (suono chiuso) numero; vènti (suono aperto) soffi d’aria;
vólgo (suono chiuso) è la plebe; vòlgo (suono aperto) verbo volgere;
vólto (suono chiuso) significa viso; vòlto (suono aperto) dal verbo volgere.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...