UCV – Escuela de Comunicacion Social

Asignatura de Italiano del prof. Attilio Folliero

01.09 – Elisione e troncamento

Posted by Prof. Attilio Folliero su 24/03/2011

A cura del prof. Attilio Folliero
 
 
A volte una parola che termina per vocale è seguita da una parola che comincia per vocale. Ciò origina un suono sgradevole, detto cacofonia, per cui si elide, cioè si elimina, la vocale finale della prima parola e si sostituisce dall’apostrofo. Esempi:
  • lo uomo diventa l’uomo
  • una anima diventa un’anima
  • della onda diventa dell’onda
  • questo altro anno diventa quest’altr’anno
 
L’elisione generalmente avviene:
  • Con gli articoli una, lo, la e le preposizioni articolate formate con questi articoli. Esempi: l’operaio, l’epoca, un’anitra, nell’ospedale;
  • Con la preposizione di. Esempi: d’inverno, d’oggi;
  • Con i pronomi atoni mi, ti, si, vi, ci (solo davanti e ed i). Esempi: m’ama; t’ama; s’arma; v’hanno; c’erano;
  • Con gli articoli gli e le solo quando sono seguiti da parole che cominciano  rispettivamente per i o e. Esempi: l’elemosine o le elemosine; però le ostriche; gli ingegneri e gl’ingegnieri; però gli animali;
  • La preposizione da, ma solo in rari casi di locuzioni avverbiali. Esempi: fin d’ora; d’altra parte; d’ora innanzi; d’altronde.
 
Il troncamento
 
Il troncamento è la caduta della vocale finale o dell’intera sillaba finale atona di una parola davanti ad un’altra che può cominciare per vocale o per consonante. Nel troncamento si elimina la vocale o la sillaba finale senza aggiungere alcun segno grafico. Esempi: mal esposto (invece di male esposto); mal vissuto (invce di male vissuto).
 
In molti casi il troncamento non è obbligatorio e si fa solo per ragioni di suono. Esempi: ancor oggi o ancora oggi; suor Anna, suora Anna.
 
E’ obbligatorio il troncamento quando abbiamo:
  • Uno e nessuno. Esempi: nessun animale; nessun fiore
  • Quello davanti a consonate. Esempio: Quel quadro; però: quell’uomo
  • Bello, grande, santo, buono davanti a consonante. Esempi: bel bimbo, gran maestro san Luigi,  buon cuore, gran donna. Questi aggettivi davanti a nomi che cominciano per vocale vogliono l’elisione. Esempi: bell’amico; grand’animo; sant’Ambrogio.
 
Il troncamento di alcuni nomi e alcune forme verbali monosillabi all’imperativo si indica con l’apostrofo per distinguerli da monosillabi omonimi.
  • da’ (imperativo di dare); da (preposizione semplice);
  • di’ (imperativo di dire); di (preposizione semplice);
  • fa’ (imperativo di fare); fa(preposizione semplice);
  • po’ (per poco); Po (fiume Po);
  • sta’ (imperativo di stare); sta (indicativo presente di stare);
  • va’ (imperativo di andare); va (indicativo presente di andare).
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...