UCV – Escuela de Comunicacion Social

Asignatura de Italiano del prof. Attilio Folliero

09.01 – L’avverbio

Posted by Prof. Attilio Folliero su 27/05/2011

A cura del prof. Attilio Folliero

L’avverbio (Scaricare/Descargar)

Come l’aggettivo che serve ad attribuire una qualità, una quantità, una determinazione di luogo o di tempo al sostantivo, così l’avverbio svolge la stessa funzione nei confronti del verbo. L’avverbio (dal latino ad verbum = accanto alla parola, cioè accanto al verbo) è duqnue quella parte invariabile del discorso che determina, modifica o specifica il significato del verbo.  Esempio: Lui corre velocemente.

L’avverbio, oltre al verbo può riferirsi anche ad un aggettivo, o ad un altro avverbio. Esempio: Luigi aiuta i poveri molto generosamente.

L’avverbio come l’aggettivo può essere di varie specie; pertanto, possiamo avere:

  • avverbio qualificativo o avverbi di modo o maniera : dolcemente, bene, male, meglio, peggio, volentieri, ecc.;
  • avverbio di tempo: allora, presto, ora, ancora, adesso, ieri, oggi, domani, prima, poi, subito, tardi, sempre, mai,  ecc.;
  • avverbio di luogo: qui, qua, lì, là, laggiù, lassù, costì, colà, vicino, lontano, ecc.;
  • avverbio di quantità: molto, niente, anche, poco, meno, troppo, più, tanto, assai, nulla, ecc.;
  • avverbio di valutazione: non, no. forse, sì, certo, sicuro, neanche, neppure, nemmeno, probabilmente, quasi, ecc.
  • avverbio relativo o interrgativo: dove, perché

Locuzioni avverbiali

 

Funzione di avverbio assumono anche espressioni formate da due o più parole, dette locuzioni avverbiali. Le locuzioni avverbiali possono essere costituite da:

–      una poreposizione seguita da sostantivo o aggettivo. Esempi: con lentezza, all’antica, di frequente, ecc.;

–      dal raddoppio di un sostantivo (man mano), di un aggettivo (bel bello) o di un avverbio (pian piano, or ora);

–      due avverbi: tanto bene; tanto male.

Collocazione dell’avverbio

Solitamente l’avverbio si pone dopo il verbo; a volte si pone prima per dare maggior forza espressiva (Tu hai lavorato troppo; Troppo hai lavorato!). Nel caso di un verbo composto, l’avverbio si colloca tra l’ausiliare ed il participio (Io ho già mangiato), o prima dell’ausiliare (Prontamente sono arrivato), o dopo il participio (L’alunno ha risposto correttamente).

Quando l’avverbio accompagna un aggettivo, o un altro avverbio si pone sempre prima (Sei abbastanza studioso; Ti muovi troppo velocemente).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: