UCV – Escuela de Comunicacion Social

Asignatura de Italiano del prof. Attilio Folliero

06.10 – I pronomi riflessivi

Posted by Prof. Attilio Folliero su 08/10/2011

a cura del prof. Attilio Folliero

I pronomi riflessivi (Scaricare/Descargar)

Quando l’azione di un verbo si riflette sullo stesso soggetto che la realizza abbiamo i verbi riflessivi. Tali azioni sono introdotte dai pronomi riflessivi, che sono:

  • Mi per la prima persona singolare. Esempio: Io mi lavo;
  • Ti per la seconda persona singolare. Esempio: Tu ti lavi;
  • Si per la terza persona singolare. Esempi: Lui si lava; Lei si lava;
  • Ci per la prima persona plurale. Esempio: Noi ci laviamo;
  • Vi per la seconda persona plurale. Esempio: Voi vi lavate
  • Si per la terza persona plurale. Esempio: Loro si lavano.

 

Pronomi riflessivi e pronomi personali complementi atoni

 

I pronomi riflessivi di prima e seconda persona, singolare e plurale (mi, ti, ci, vi) sono identici ai pronomi personali complementi atoni; invece, alla la terza persona esiste una differenza tra forma riflessiva e pronomi complemento atoni. Per la forma riflessiva, sia maschile che femminile, singolare, o plurale usiamo il “si”; invece, quando si tratta di pronomi personali in funzione di complemento nella forma atona abbiamo:

  • Lo” per la terza persona singolare maschile in funzione di complemento oggetto. Esempio:
  • Lo (= lui) vidi l’ultima volta a Roma.
  • Gli” per la terza persona singolare maschile in funzione di complemento di termine. Esempio:
    • Gli (=a lui) consegnai il tuo regalo;
  • La” per la terza persona singolare femminile in funzione di complemento oggetto. Esempio:
    • La (= lei) ringraziai per l’aiuto;
  • Le” per la terza persona singolare femminile in funzione di complemento di termine. Esempio:
    • Le (=a lei) chiesi di non rivelare il mio nome;
  • Li” per la terza persona plurale maschile in funzione di complemento oggetto. Esempio:
    • Li (= loro) ho già chiamati;
  • Loro” per la terza persona plurale sia maschile, che femminile in funzione di complemento di termine. Esempio:
    • Ho indicato loro (= a loro) la strada e sono tornato.
  • Le” per la terza persona plurale femminile in funzione di complemento oggetto. Esempio:
    • Anna e Rosa? Non le (= loro) conosco.

     

    Importante

     

    Ricordiamo che quando abbiamo un tempo composto coniugato col verbo avere, il participio passato rimane invariato per tutte le persone. Esempi: Io ho mangiato la pasta; Lui ha mangiato la pasta; Lei ha mangiato la pasta; Loro hanno mangiato la pasta.

     

    Solamente nel caso in cui il verbo avere è preceduto da un complemento oggetto rappresentato dai pronomi la, le, li e ne è obbligatorio accordare il participio passato col complemento oggetto. Esempi:

     

    • Chi ha mangiato la pasta? L’ho (La ho) mangiata io (si può dire anche “Io ho mangiato la pasta”);

     

    • Chi ha mangiato le mele? Le ho mangiate io (si può dire anche “Io ho mangiato le mele”);

     

    • Hai visto i ragazzi? Non li ho visti (si può dire anche “Non ho visto i ragazzi”);

     

    • Hai provato quei biscotti? Ne ho mangiati due (si può dire anche “Io ho mangiato due biscotti).

     

     

    Advertisements

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...